Rinoplastica

Rinoplastica

Rinoplastica

Rinosettoplastica

Turbinoplastica

Metodo Gottarelli

Rinoplastica? Sì, ma globale, capace di migliorare non solo l’aspetto ma anche la respirazione e la qualità della vita, correggendo la morfologia e i problemi respiratori associati: un naso imperfetto, che il paziente desidera correggere dal punto di vista estetico, molto spesso respira male.

Rinoplastica? Quando un paziente richiede una “limatina” del dorso non sa di chiedere un intervento al naso peggiorativo. Una struttura solida, infatti, se viene abbassata, mostra come effetto ottico un suo allungamento e quindi una perdita di naturalezza. Il naso è come un grande puzzle: se viene rimpicciolito anche un solo tassello, tutti gli altri si sposteranno creando asimmetria e dismorfia. È quindi importantissimo che i rimodellamenti coinvolgano tutti i tasselli in maniera armonica e dovranno avvenire sempre nel rispetto di una visione globale del viso.

MG, Metodo Gottarelli  o Metodo Globale, è il risultato di oltre 30 anni di esperienza scientifica nella cura del naso sviluppata dopo circa 6150 interventi effettuati. Una metodologia unica, che a sua volta integra tre metodiche chirurgiche, e che supera non solo le diatribe tra la rinoplastica cosiddetta aperta e la rinoplastica chiusa, ma anche la distinzione tra interventi di sola chirurgia funzionale o di sola chirurgia estetica. Per questo parliamo di rinoplastica globale, il metodo scientifico più moderno messo a punto in questo campo, che garantisce un intervento con grande prevedibilità di risultato e un ricovero brevissimo, privo di dolore postoperatorio e dell’impiego di tamponi nasali.

Prima dell’intervento è indispensabile, anche per chi vi si sottopone solo per motivi estetici, l’esecuzione di una tomografia computerizzata (TAC) dei seni paranasali attraverso cui valutare correttamente tutte le strutture anatomiche che condizionano una buona respirazione. È fondamentale che a un naso rimpicciolito dopo un intervento chirurgico non corrisponda una conseguente diminuzione della respirazione. Il risultato deve essere quindi ottenuto attraverso un rimodellamento delle parti anatomiche interne, i turbinati, secondo il principio della coerenza e della armonia della riduzione morfo-funzionale.

Inoltre, per quanto riguarda l’approccio estetico, va ricordato che il Metodo Gottarelli prevede la progettazione, insieme al paziente, del futuro aspetto morfologico utilizzando tecniche computerizzate di rinoscultura 3D personalizzate: il naso si costruisce insieme, in ogni dettaglio e tenendo conto delle caratteristiche di ogni volto, evitando forme standard, “stampini” tutti uguali che non rispettano le diversità di ognuno. Il paziente è finalmente consapevole delle sue scelte e vede in anteprima i risultati.

Il risultato dovrà essere un naso con il requisito indispensabile della naturalezza, che rispetta il rapporto dimensionale fra punta e dorso e i valori normali degli angoli che il naso forma con la fronte e con il labbro superiore.

Il ricovero non raggiunge le 24 ore, la durata dell’intervento oscilla fra i 60 ed i 90 minuti. Da qui inizia il decorso post operatorio: rinoplastica senza tamponi e senza dolore. Il paziente porterà dei cerottini ed uno splint di plastica per sette giorni. L’attività lavorativa potrà riprendere già dal terzo giorno, le attività sportive dopo sette giorni. Il naso sarà solido come prima dopo circa un mese.

Grazie a piccoli dispositivi cartilaginei di sostegno, a uno speciale punto di sutura da me ideato, all’utilizzo di tecniche a freddo, il rischio di recidive è scongiurato.

Le testimonianze di chi oggi respira con il cuore grazie al Metodo Gottarelli


VAI ALL’ELENCO COMPLETO

Richiedi un consulto


COMPILA IL FORM DI CONTATTO DEL PROF. PAOLO GOTTARELLI

VAI AL MODULO